Terminata la prima Casa completamente Riciclata: usati più di 20mila spazzolini

La “casa riciclata” è stata costruita nel Campus dell’Università di Brighton

waste houseE’ trascorso un anno di lavoro e oltre 20.000 spazzolini da denti, 2 tonnellate di jeans,2.000 floppy disk, 65 mq di vecchi pneumatici ed il lavoro costante e continuo di oltre 200 studenti è stata utile per poter completare la “Waste House”, la fantastica casa realizzata con l’85% di rifiuti.

L’involucro esterno  dell’edificio sfrutta parti di tappezzeria e tappeti che sono riciclati per poter creare uno strato altamente isolante ed impermeabile, mentre pannelli decorativi e cartelloni pubblicitari plasticizzati sono in grado di poter creare una membrana isolante perfetta per poter evitare ponti termici e lasciare all’esterno l’umidità.

Dieci tonnellate di gesso riciclato da un vicino cantiere sono state poi impiegate nella Waste House per poter realizzare la struttura della tromba delle scale, applicando la medesima tecnica a strati compressi che solitamente viene utilizzata per poter costruire i muri in terra battuta.

E’ a disposizione del pubblico tanto che la Waste House servirà proprio da laboratorio di sperimentazione per gli studenti dell’università, saranno messe a disposizione porzioni della struttura tali da poter sperimentare nuovi materiali innovativi che sono ottenuti a partire dall’unione di differenti rifiuti riciclati.

Vediamo insieme i numeri della Waste House

2.507 persone al giorno per costruirla

Più di 700 studenti hanno visitato il cantiere

3 mesi in pre-produzione e più di 12 mesi per la costruzione

Isolante per le pareti

19.800 spazzolini da denti

2 tonnellate di denim jeans riciclato

200 rotoli di vecchie decorazioni natalizie

4.000 VHS videocassette

4.000 custodie di DVD in plastica

7,2 mc di polistirolo da vecchi imballaggi

Tamponamento delle Pareti

600 fogli di carta usati o danneggiati

70mq di compensato riutilizzati

50 mq per 30mm di spessore di segatura in legno riciclata per le finiture del primo piano

1 cucina riciclata

Top del piano di cucina realizzato con bicchierini e tazzine da caffè di plastica recuperati dalle macchinette dell’università

500 tubi di gomma utilizzati per sigillare le finestre e insonorizzare il primo piano

10 mq di carta da parati compressa e riutilizzata per rifinire le pedate e le alzate delle scale

65 mq di vecchi pneumatici per isolare la copertura

2 km di legname di conifere recuperato

600 cartelloni pubblicitari vinilici riutilizzati come barriera al vapore

2.000 ‘quadrotti’ di moquette e tappezzeria varia riciclata per il rivestimento esterno

10 tonnellate di gesso destinato alla discarica impiegati per  rifinire le pareti portanti interne

20 litri di vernice di seconda mano

2000 bulloni di seconda mano

 

Commenti

Articolo in: Case Study, Feature Tags: , , , , ,

You might like:

Simple Home una Casa Mobile prefabbricata e trasportabile Simple Home una Casa Mobile prefabbricata e trasportabile
Il complesso residenziale La Tuxa di Milano certificato Net Zero Energy Building Il complesso residenziale La Tuxa di Milano certificato Net Zero Energy Building
Investimenti Sostenibili per avere una casa domotica Investimenti Sostenibili per avere una casa domotica
Inizia l’era della Cucina Domotica Inizia l’era della Cucina Domotica
Case Study: automazione e sicurezza in Virginia (Inghilterra) Case Study: automazione e sicurezza in Virginia (Inghilterra)
Paolo Berro: la casa a comando vocale progettata dall’ingegnere disabile Paolo Berro: la casa a comando vocale progettata dall’ingegnere disabile
Android e domotica Android e domotica
Domotica e disabilità Domotica e disabilità
Domotica Casa é un portale di informazione indipendente sul mondo della domotica
Powered by Siti Web Piero de Cindio Web Solution